Progetto Water Crew di turismo sostenibile ed educazione al mare a bordo di Nave Italia

Manuela Tenaglia / Istituto per l’Ambiente e l’Educazione Scholé Futuro
Progetto Water Crew di turismo sostenibile ed educazione al mare a bordo di Nave Italia

Water Crew é un progetto di educazione marina dell'Istituto per l’Ambiente e l’Educazione Scholé Futuro onlus di Torino,  selezionato dalla Fondazione Tender to Nave Italia di Genova per l’edizione 2014. 

L'Istituto vuole offrire un'esperienza unica di turismo sostenibile, studio, partecipazione, scambio e divertimento a contatto con la natura e con educatori e formatori esperti nel settore acquatico e socio-educativo. 

Con Water Crew Scholé promuove una cultura marinara consapevole stimolando l’interesse di un gruppo di 12-14 ragazzi (normodotati e disabili) che verranno riuniti per cinque giorni a bordo di Nave Italia per condividere un’esperienza di navigazione e formativa eccezionale, tramite l’attivazione di un approccio educativo originale (Edutainement) che comprende attività acquatiche, interazioni audio visive con i fondali marini, laboratori creativi (les. a storia evolutiva e biogeografica del mar mediterraneo, interazioni con organismi marini per analisi comportamentali, cambiamenti climatici e sensibilizzazione al consumo consapevole, tecniche marinaresche).

Water Crew rientra in un processo formativo ben piú ampio, inziato nel 2003 con la nascita di Pianeta Azzurro, un progetto integrato che si propone di diffondere l’educazione ambientale alla risorsa acqua nelle scuole, tra gli studiosi, gli sportivi e gli appassionati, in Italia e nel Mondo, attarverso attività ed iniziative, anche multimediali, tra cui il progetto “Sport e Natura”.

Crediamo in forme di apprendimento alternativo, capaci di incoraggiare i ragazzi ad interagire, a far parte di un progetto, ad aprirsi verso il nuovo e contribuire allo sviluppo sostenibile delle proprie azioni quotidiane e come cittadini.

Il progetto è strutturato in tre fasi che prevedono l'alternanza di momenti di analisi, riflessione con momenti di navigazione e sport acquatici orientati alla responsabilizzazione di ognuno nel suo rapporto con l’ambiente.

Ad esempio l'utilizzo dello snorkeling come pratica inclusiva e aperta a tutti è la risposta appropriata ad esigenze di movimento, di benessere psicofisico. Immersi in acqua i diversamente abili non solo facilitano il passaggio di flussi emotivi ma riscoprono anche una differente attività motoria poiché la deambulazione è agevolata dalla possibilità di muoversi con una forte riduzione del proprio peso.

L’Istituto vede come prioritaria la presa di coscienza della necessità di modificare la relazione uomo-natura, processo per cui il ruolo dell’educazione ambientale diventa fondamentale, poiché veicolo per promuovere il valore della diversità sia essa biologica, culturale, sociale o disabilità.

L’azione proposta mira a sviluppare competenze e attività che consentano l’interazione tra i partecipanti e la valorizzazione dei disabili, soprattutto come persone e in relazione al contesto naturale che li circonda.

E’ sempre più evidente la necessità di una crescita della consapevolezza nelle nuove generazioni sull’uso sostenibile delle risorse e su un riorientamento degli attuali stili di vita e di apprendimento. Questo è ancora più vero per persone affette da deficit motorio, psichico o sensoriale, spesso escluse da quei processi di crescita che favoriscono la percezione, l’analisi e la comprensione dei cambiamenti, al fine di diventare cittadini consapevoli e responsabili nei confronti di sé, dell’ambiente e della comunità, intesa non solo come società di appartenenza, ma anche come pianeta.

La navigazione rappresenta un momento di rottura con la quotidianità e consente di mettere in pratica un programma pedagogico volto allo sviluppo dell'autonomia e della consapevolezza delle proprie capacità.

Siamo alla ricerca di finanziamenti che ci aiutino a realizzare il progetto e che diano la possiblità ai ragazzi di vivere un'esperienza indimenticabile dal punto di vista formativo e personale.

L'imbarco é previsto per il 13 maggio a Genova e lo sbarco il 17 maggio a Livorno. 

Invitiamo i nostri soci, lettori, amici, cittadini attivi nel settore educativo e/o ambientale e tutti coloro che credono nell'educazionennon formale e nello sviluppo sociale a supportare il nostro sforzo e a fare una donazione.

Con questo progetto vogliamo suscitare, attraverso la navigazione, il piacere di comprendere, imparare e creare cambiamento!

Every little counts...

Grazie per la collaborazione!

Lo staff di Scholé Futuro e Pianeta Azzurro

 

Per informazioni sui nostri pogetti e attivitá vedere: 

http://www.educazionesostenibile.it/portale/pianeta-azzurro.html

http://www.educazionesostenibile.it/portale/pianeta-azzurro/iniziative/water-crew.html

http://www.educazionesostenibile.it/portale/weec-italia.html

 

  • Non ci sono aggiornamenti per questa storia

La storia non ha abbracci