Orgoglio Sardegna

Orgoglio Sardegna / Riformatori Sardi
Orgoglio Sardegna

17 marzo 2014 - Non c'è soltanto la politica delle belle parole e delle promesse in libertà. C'è anche quella dei piccoli, ma significativi gesti di solidarietà. Nei giorni dell'alluvione di Olbia, noi Riformatori abbiamo "adottato" un simbolo della devastazione che aveva colpito i sardi e la Sardegna. E abbiamo preso l'impegno di attivare ‘Orgoglio Sardegna’, una campagna di crowdfunding per aiutare a ricostruire il laboratorio di una scuola di Olbia, distrutto dalla furia delle acque.

Oggi, all'IPIA di Olbia, il coordinatore Giovanni Pileri, il consigliere comunale di Olbia Giovanni Cassitta e il Presidente della Commissione Sanità della Camera Pierpaolo Vargiu hanno guidato la delegazione dei Riformatori che ha consegnato al Preside dell'IPIA i fondi raccolti attraverso la campagna di solidarietà: un assegno di quasi ventimila euro consegnato al preside della scuola che non cancella certo i segni indelebili dell'alluvione, ma certifica che la buona politica sa parlare anche il linguaggio semplice della solidarietà.

Abbiamo scelto di aiutare una scuola perché sappiamo che solo dall'istruzione e dalla cultura può arrivare la riscossa della Sardegna, che non si arrende né alle catastrofi naturali, né alle sue disgrazie economiche e sociali.

Grazie a Shinynote non ci sono state spese per la raccolta dei fondi via web e grazie alla generosità di tanti “amici” dei Riformatori si è attivata una vera e propria gara della solidarietà, a cui hanno partecipato direttamente tanti cittadini comuni, ma anche diversi parlamentari e alcune prestigiose aziende italiane come Brembo e Carpisa-Yamamay. L'iniziativa è stata sostenuta anche dalla Ferrari di Luca di Montezemolo.

***

Un aiuto per ripartire. Per ricostruire il laboratorio dell'Istituto Professionale Amsicora di Olbia.

La tragedia in Sardegna ci ricorda inesorabilmente la necessità di non usare mai violenza sul territorio. Eventi naturali straordinari moltiplicano l'entità dei danni nei territori utilizzati dall'uomo in modo dissennato. Gli errori del passato non vanno ripetuti ed è necessario lavorare per porvi rimedio. Ma oggi, in Sardegna, non può essere tempo di recriminazioni, né di facile retorica.

Oggi è il tempo della solidarietà e del silenzio operoso, al fianco delle famiglie in lutto, delle comunità in ginocchio.

I Riformatori Sardi propongono di farlo in modo concreto. Con questa campagna di crowdfunding nazionale aperta e trasparente vogliamo ricostruire uno dei laboratori dell'Istituto Professionale Amsicora di Olbia, trasformati in discarica dalla furia delle acque.

L'appello a dare il proprio contributo economico concreto è rivolto soprattutto a tutti i sardi che vivono fuori dalla Sardegna e a tutti gli italiani che amano davvero la Sardegna e i sardi, non soltanto nei mesi estivi. Grazie!

*******

Per info scrivi a orgogliosardegna2013@gmail.com

*******

Su questa Storia Shinynote non applica la commissione sulle donazioni effettuate.

  • 17/03/2014 Consegna dell'assegno al Preside dell'IPIA di Olbia

    17 marzo 2014 - Non c'è soltanto la politica delle belle parole e delle promesse in libertà. C'è anche quella dei piccoli, ma significativi gesti di solidarietà. Nei giorni dell'alluvione di Olbia, noi Riformatori abbiamo "adottato" un simbolo della devastazione che aveva colpito i sardi e la Sardegna. E abbiamo preso l'impegno di attivare ‘Orgoglio Sardegna’, una campagna di crowdfunding per aiutare a ricostruire il laboratorio di una scuola di Olbia, distrutto dalla furia delle acque.

    Oggi, all'IPIA di Olbia, il coordinatore Giovanni Pileri, il consigliere comunale di Olbia Giovanni Cassitta e il Presidente della Commissione Sanità della Camera Pierpaolo Vargiu hanno guidato la delegazione dei Riformatori che ha consegnato al Preside dell'IPIA i fondi raccolti attraverso la campagna di solidarietà: un assegno di quasi ventimila euro consegnato al preside della scuola che non cancella certo i segni indelebili dell'alluvione, ma certifica che la buona politica sa parlare anche il linguaggio semplice della solidarietà.

    Abbiamo scelto di aiutare una scuola perché sappiamo che solo dall'istruzione e dalla cultura può arrivare la riscossa della Sardegna, che non si arrende né alle catastrofi naturali, né alle sue disgrazie economiche e sociali.

    Grazie a Shinynote non ci sono state spese per la raccolta dei fondi via web e grazie alla generosità di tanti “amici” dei Riformatori si è attivata una vera e propria gara della solidarietà, a cui hanno partecipato direttamente tanti cittadini comuni, ma anche diversi parlamentari e alcune prestigiose aziende italiane come Brembo e Carpisa-Yamamay. L'iniziativa è stata sostenuta anche dalla Ferrari di Luca di Montezemolo.

  • 10/12/2013 Orgoglio Sardegna, hai tempo fino al 20 dicembre per donare!

    Grazie per aver sostenuto la ricostruzione del laboratorio dell'Istituto Amsicora di Olbia!

    Mancano dieci giorni alla chiusura della campagna promossa dai Riformatori Sardi.

    A tre settimane dal terribile alluvione, grazie a te e tantissimi cittadini sono stati raccolti più di 10000 euro.

    L'obiettivo della staffetta di solidarietà ora è molto vicino. Diffondi l'iniziativa tra i tuoi amici e invitali a contribuire con una piccola donazione grazie al sito www.orgogliosardegna.it.

    L'intera somma raccolta sarà riportata su un assegno che i Riformatori consegneranno al Preside dell'Istituto Amsicora.

    Sotto l'assegno saranno riportati i nomi di tutti i sostenitori che avranno fatto una donazione.

    E’ possibile partecipare all’iniziativa donando tramite con carta di credito o conto PayPal all’indirizzo www.orgogliosardegna.it o tramite versamento al conto corrente bancario appositamente creato dai Riformatori. Di seguito le coordinate:

    IBAN: IT85 B056 7604 8030 0007 0081 143
    intestato a Riformatori Sardi Liberaldemocratici, Via Firenze, 20 – 09126 Cagliari
    presso Banca di Sassari, Filiale di Cagliari, Via Roma 25, 09100
    Causale “Orgoglio Sardegna – Un aiuto per ripartire”
    Per le donazioni dall’estero, il codice BIC/SWIFT è BPMOIT22

     

    Grazie,

    Orgoglio Sardegna

La storia non ha abbracci

Donazioni Denaro

  • Orgoglio Sardegna 19/11/2013 Orgoglio ha donato 10,00€
  • Lucio Romano 19/11/2013 Lucio ha donato 500,00€
  • Anonimo 19/11/2013 Anonimo ha donato 5,00€
  • Anonimo 20/11/2013 Anonimo ha donato 5,00€
  • Anonimo 20/11/2013 Anonimo ha donato 5,00€
  • Anonimo 20/11/2013 Anonimo ha donato 10,00€
  • Adriana Canu 20/11/2013 Adriana ha donato 10,00€
  • Anonimo 22/11/2013 Anonimo ha donato 50,00€
  • Orgoglio Sardegna 26/11/2013 Orgoglio ha donato 5,00€
  • Anonimo 27/11/2013 Anonimo ha donato 8300,00€
  • Anonimo 29/11/2013 Anonimo ha donato 5,00€
  • Anonimo 30/11/2013 Anonimo ha donato 5,00€
  • Anonimo 04/12/2013 Anonimo ha donato 100,00€
  • Anonimo 04/12/2013 Anonimo ha donato 2000,00€
  • Anonimo 05/12/2013 Anonimo ha donato 10,00€
  • Anonimo 06/12/2013 Anonimo ha donato 100,00€
  • Anonimo 08/12/2013 Anonimo ha donato 30,00€
  • Anonimo 10/12/2013 Anonimo ha donato 1280,00€
  • Anonimo 16/12/2013 Anonimo ha donato 20,00€
  • Anonimo 17/12/2013 Anonimo ha donato 20,00€
  • Anonimo 19/12/2013 Anonimo ha donato 10,00€
  • Anonimo 20/12/2013 Anonimo ha donato 25,00€
  • Anonimo 20/12/2013 Anonimo ha donato 2500,00€
  • Anonimo 18/12/2013 Anonimo ha donato 4495,00€

Dettagli del progetto

Nome del progetto

Orgoglio Sardegna

Beneficiari/o

Istituto Professionale Amsicora di Olbia

Organizzazione/i non profit promotrice

Riformatori Sardi

Durata prevista

31 dicembre 2013

Costo totale

20.000 euro

Area geografica di intervento

Gallura

Contesto

Nel novembre 2013, un alluvione senza precedenti ha messo in ginocchio molte zone della Gallura.

Sintesi del progetto

Con questa campagna vogliamo adottare un simbolo della devastazione: l'Istituto Professionale Amsicora di Olbia. Abbiamo scelto di aiutare una scuola perché sappiamo che solo dall'istruzione e dalla cultura può arrivare la riscossa della Sardegna, che non si arrende né alle catastrofi naturali, né alle sue disgrazie economiche e sociali.